Cena a 4 mani al Relais San Lorenzo di Bergamo Alta

Vi è una citazione di Louisa M. Alcott – autrice del celeberrimo romanzo Piccole Donne, che mi torna spesso in mente: “Ci vogliono due pietre focaie per accendere un fuoco”.

Mai assunto fu più azzeccato, se riferito al meraviglioso mondo gourmet in cui – le cosiddette Cene a 4 mani, ce ne danno l’esempio più tangibile.
Due pietre, due  Chef, un unico grande fuoco.
E’ probabilmente per questa ragione che a Bergamo vi è un ristorante che ama riproporre con convinzione e successo questa formula, in cui i fuochi si incrociano e si accendono, offrendo l’esperienza di una serata e di una cena speciale in cui Antonio Cuomo – Chef e padrone di casa dell’ Hostaria San Lorenzo, apre le porte della sua cucina a colleghi della ristorazione stellata nazionale e internazionale, dando sfogo a inaspettate sinergie giocate sulla complicità, sulla contaminazione, e su contrasti in perfetto equilibrio.

Antonio Cuomo, classe 1980, partenopeo naturalizzato orobico, propone una cucina che rivendica prepotentemente le sue origini attraverso sapori mediterranei e che pone l’accento in maniera insindacabile e radicale sull’importanza dell’home-made e del valore della materia prima. Alla guida delle cucine di questo ristorante – probabilmente tra i più belli e suggestivi della città di Bergamo – Cuomo si rende promotore di un progetto votato alla scoperta e alla conoscenza di eccellenze più o meno affini, coinvolgendo colleghi dai percorsi “stellari” che sappiano condividere e raccontare la propria storia e il proprio estro attraverso piatti e racconti gastronomici.

E’ per questa ragione che martedì 28 febbraio, i fuochi dell’Hostaria San Lorenzo si infiammeranno per accogliere lo Chef Domenico Iavarone – corregionale di Cuomo che – dopo aver consegnato la Stella Michelin al Maxi di Vico Equense – si appresta a iniziare una nuova emozionante sfida gourmet con il José Restaurant, in una splendida cornice all’ombra del Vesuvio.

La cena a 4 mani degli Chef Domenico Iavarone e Antonio Cuomo, che si terrà nell’incantevole sala dell’Hostaria San Lorenzo, che per l’occasione proporrà:

Uovo in purgatorio con gamberi rossi

Risotto con cipolla bruciata alici mandorle e yogurt

Mischiato potente “Pastificio dei Campi” con trippe di baccalà cavolfiore e alghe

Triglie in patate fritte con lattuga romana e ravanelli

Guancia di maialino con zucca speziata e scampo alla liquirizia

Brutta ma buona: la Mela Annurca

(acqua, caffè, vini in abbinamento inclusi)
85,00 Euro a persona

DOVE: Hostaria San Lorenzo, Bergamo – Piazza Mascheroni 9/A
QUANDO: martedì 28 febbraio h. 20,00
Per prenotazioni: +39.035.237383

www.relaissanlorenzo.com

 

 

Condividi
Stefania Buscaglia

293 Post scritti

Foodwriter libera professionista, scrive di eccellenza gastronomica italiana tra web e carta stampata. Collabora con il mensile Orobie curando la rubrica "KilometroZero" ed è autrice delle interviste di "Chef, Templi del Gusto, Ricette Divine" per il magazine di cucina Lorenzo Vinci. Collabora con la rivista Scifondo ed è testimonial per Fackelmann Italia con le sue "ricette passo passo".

Potrebbe interessarti anche...

Commenta con...

Commenti

  • alfredo ferretti 1 anno ago

    ma smettiamola con questa farsa ……nomi di portate del cazzo……cipolla bruciata purgatorio..mischiato potente…etc etc personalmente dubito molto della professionalita di questi chef improvisati…..sanno fare una spuma di zucca col sifone ma crollano davanti a un soufflé …..sanno inventare una cipolla bruciata ..ma cadono se gli chiedi una brunoise …..hanno bisogno di 50 ingredienti per fare un piatto……ieri sera con una cipolla del pane secco mi sono fatto uno spaghetti con fonduta di cipolla e crumble di pane ottimo

Lascia un commento HTML non supportato