Pizza Petra Mangiare da Dio

DSC_8676In occasione dell’intervista realizzata per il Giornale.it ad Alessio Rovetta, pizzaiolo “Gambero Rosso” valutato da Il Golosario come tra i 7 migliori d’Italia, ho potuto realizzare il mio sogno di preparare una pizza. Schifosa! Per tirarmi su il morale, Alessio ha scelto di realizzare una pizza dedicata a Mangiare da Dio, dandole proprio questo nome! Una pizza fantastica, realizzata con prodotti Slow Food, che potrete tranquillamente assaggiare alla sua Pizzeria 7 Ponti a Cenate Sopra (BG). Oppure, provare a realizzare voi, secondo i suggerimenti di Alessio!

 

PIZZA PETRA MANGIARE DA DIO

INGREDIENTI (per 4 persone)
500 g di farina Petra 1
325 g di acqua tiepida
1 g di lievito di birra secco
12 g di sale fino
12 g di olio EVO
12 asparagi biologici
50 g di porri biologici
300 g di noce di vitello tagliata a carpaccio
300 g di Stracciatella
½ limone
olio EVO q.b
1 cucchiaio di salsa di soya shoyu

PREPARAZIONE

Come prima cosa, occupatevi dell’impasto, che potrete effettuare a mano o con l’aiuto di una planetaria munita di gancio che sarà sufficiente utilizzare a velocità minima. Versate l’acqua sopra la farina e mescolate affinché venga assorbita da quest’ultima.  Lasciate riposare 30 minuti.

Aggiungete il lievito e riprendete a impastare. Non appena l’impasto sarà liscio, aggiungete il sale e 10 grammi d’acqua tiepida. Infine, aggiungete l’olio a filo.

Terminate d’impastare e lasciate riposare 2 ore a temperatura ambiente. Riponete  l’impasto in una ciotola unta d’olio e lasciate in frigo per 24 ore, coprendo con un foglio di pellicola.

Stendere l’impasto su una teglia e lasciare 2 ore a temperatura ambiente. Se l’impasto risulta troppo “tenace”, lasciarlo a temperatura ambiente un’ora o due prima di stenderlo.

Marinate il carpaccio con olio, sale e limone per 2 ore.

Nel frattempo, sbollentate gli asparagi per 5 minuti.

Affettate i porri a rondelle e saltateli con la soya shoyu e un giro d’olio per un paio di minuti.

Tagliate a losanga  le punte degli asparagi e tenetele da parte; recuperate i gambi e frullateli con il porri e un filo d’olio EVO, sino a ottenere una  crema densa.

Recuperate 1/3 della crema di porri e asparagi e diluitela ulteriormente con altro olio.

Spennellate l’impasto della pizza con la crema liquida di porri e asparagi. Cuocetela in forno preriscaldato a 250° per circa 20 minuti (ovviamente, la cottura varia da forno a forno).

Sfornare la pizza e guarnire, spennellando con la crema di asparagi e porri densa, la stracciatella, il carpaccio di vitello e infine le punte di asparagi.

scarica la ricetta di Alessio Rovetta

Condividi
Stefania Buscaglia

298 Post scritti

Foodwriter libera professionista, scrive di eccellenza gastronomica italiana tra web e carta stampata. Collabora con il mensile Orobie curando la rubrica "KilometroZero" ed è autrice delle interviste di "Chef, Templi del Gusto, Ricette Divine" per il magazine di cucina Lorenzo Vinci. Collabora con la rivista Scifondo ed è testimonial per Fackelmann Italia con le sue "ricette passo passo".

Potrebbe interessarti anche...

Commenta con...

Lascia un commento HTML non supportato